Visualizzazioni totali

giovedì 20 aprile 2017

Sospesa La Partita Tra Apoel ed AEK Per Gravi Incidenti (Basket Cipro)

La violenza nei palazzetti di Basket greci e ciprioti è di casa, quando si affrontano squadre rivali.
Pensiamo a Panathinaikos ed Olympiakos (con a volte protagonista anche l'AEK Atene) o al derby di Salonicco tra PAOK ed Aris.
Qui invece siamo a Cipro, precisamente a Nicosia, dove due giorni fa la semifinale (Gara 4) p stata interrotta per gravi incidenti.
Ad affrontarsi l'Apoel Nicosia e l'AEK Larnaka.
Nella serie l'AEK (arrivata seconda in regular season) conduceva 1-2, facendo sua anche gara 4 sarebbe arrivata in finale.
Tuttavia la partita giocata nel palazzetto Lefkotheo di Nicosia non è mai giunta al termine, costringendo i funzionari ad interrompere la partita più volte, sino alla sospensione definitiva (cioè un minuto prima della fine dell'ultimo quarto con il punteggio di 64-73 per gli ospiti).
La partita è stata temporaneamente interrotta nel terzo quarto, quando sono stati buttati fumogeni, petardi e razzi sul parquet dal settore dei padroni di casa.
In seguito la partita è ripresa con i funzionari che hanno avvertito che qualsiasi ulteriore violenza avrebbe comportato la fine anzitempo delle ostilità.
Un minuto prima della fine del quarto tempo, i tifosi dell' Apoel hanno ripreso a lanciare oggetti in campo (compresi petardi e fumogeni) e il match è stato interrotto definitivamente e dichiarato concluso.
I gravi incidenti, però, non si son fermati nel palazzetto ma sono proseguiti anche fuori, visto che l'autobus che trasportava la squadra dell' AEK a Larnaca è stato attaccato nei pressi di Tseri da parte di persone sconosciute che hanno lanciato delle pietre (nonostante la scorta di due vetture di polizia).
Quattro poliziotti sono rimasti feriti, invece due veicoli parcheggiati al di fuori del Lefkotheo sono stati danneggiati.

Nessun commento:

Posta un commento