Visualizzazioni totali

giovedì 28 dicembre 2017

La Storia Di Alan Pardew: Litigi, Risse, Testate e Risultati Sportivi

Nato a Wimbledon (Londra) nel 1961, la prima esperienza di Alan Pardew come manager fu alla guida del Reading in una sconfitta con l' Huddersfield Town il 21 marzo 1998.
Dopo la nomina di Tommy Burns come manager, rimase come allenatore della squadra di riserva fino alla fine della stagione 1998/99, poi venne nominato assistente.
Nel 2001/02 portò il Reading dalla League Two alla League One.
La prima stagione di Pardew nella divisione superiore fu impressionante, visto che il club chiuse al quarto posto, perdendo poi ai play-off contro il Wolverhampton Wanderers.


PERIODO WEST HAM E I LITIGI CON WENGER
In seguito venne adocchiato dal West Ham, anche se il Reading non gli diede il permesso di parlare per trovare un accordo, tuttavia Pardew si dimise il 10 settembre 2003, diventando manager del West Ham.
Partì una causa legale ma il Reading fu costretto a cedere.
Nel mentre la BBC lo etichetta come un manager molto difficile a livello d'interviste e pubbliche relazione per via di continue frasi avventate.
Nella prima stagione al West Ham, Pardew subì una sconfitta nella finale dei play-off di Championship contro il suo ex club da giocatore (Crystal Palace).
Nella stagione successiva viene molto criticato dai fans per qualche risultato altalenante ma alla fine il West Ham riesce ad ottenere la promozione in Premier League dopo aver sconfitto il Preston North End nella finale dei play-off.
In seguito guidò gli Hammers al nono posto nella Premier League nella stagione 2005/06, perdendo in finale di FA Cup ai calci di rigore contro il Liverpool (dopo il 3-3 dei regolamentari).
Nel marzo 2006, litigò con Arsène Wenger, dopo aver criticato l'Arsenal per non aver schierato un giocatore inglese nella vittoria in Champions League contro il Real Madrid.
Wenger suggerì che Pardew fosse xenofobico, Pardew si giustificò citando il suo matrimonio con una donna svedese.
Nel novembre 2006, litigò nuovamente con Wenger dopo aver celebrato una vittoria del West Ham contro l'Arsenal.
Tra una spinta e l'altra i due arrivarono quasi alle mani, ad essere multato fu però Wenger.
Nella stessa stagione (2006/07), Pardew venne criticato dopo che il West Ham subì la peggiore serie di sconfitte in oltre 70 anni di storia, inclusa un'uscita dalla Coppa UEFA a Palermo nel primo turno e una sconfitta a Chesterfield.
Verrà esonerato l'11 dicembre 2006, dopo una sconfitta per 4-0 in casa del Bolton Wanderers.


IL CHARLTON E LA RISSA CON L'HULL CITY
In seguito va al Charlton Athletic che si trova in una posizione di classifica disastrosa: 19esimo posto in Premier League, con soli 12 punti e una differenza reti di -20, la peggiore del campionato.
I risultati migliorarono ma Pardew ottenne la prima retrocessione in carriera come manager e come giocatore.
Quelli al The Valley sono anni comunque così così, sino alla separazione nel novembre 2008.
Viene ricordato anche per quello che successe nell'ottobre del 2007, quando Pardew scese in campo in una partita contro Hull City per tentare di interrompere una maxi rissa tra i giocatori del Charlton e dell'Hull dopo che Lloyd Sam e Ian Ashbee erano stati espulsi.
Pardew, intervenendo, fu accusato di aver peggiorato la situazione.


PERIODO SOUTHAMPTON E DICHIARAZIONI SU ESSIEN
Alan venne nominato nuovo manager del Southampton (League One) il 17 luglio 2009, a St.Mary ebbe il merito di portare giocatori del calibro di Rickie Lambert e Lee Barnard, il primo dei quali costato 1 milione di sterline.
Nonostante una penalizzazione di 10 punti in classifica, riuscì a mantenere il club a galla per la zona playoff.
Permise alla squadra anche di vincere il League Trophy battendo 4-1 il Carlisle United.
La vittoria diede al club il primo trofeo dal 1976.
Poco dopo comunque, venne licenziato per conflitti con il presidente Nicola Cortese.
Anche al Southampton si ricordano sue infelici insinuazioni su Essien del Chelsea a seguito di uno scontro con Chad Evans del Manchester City (quel giorno era ospite di Match Of The Day 2) dove per lo scontro di gioco usò la parola "rapes" (cioè violentare).


IL NEWCASTLE E IL DIFFICILE RAPPORTO CON I FANS
Il 6 dicembre 2010, l'irlandese Chris Hughton viene licenziato dal Newcastle United.
Tre giorni dopo, il club nominò Pardew come nuovo manager del club con un contratto di cinque anni e mezzo.
Sky Sports riportò che di 40.000 fan che presero parte a un sondaggio su chi sarebbe dovuto diventare il futuro manager, Pardew ricevette il sostegno del solo 5,5% dei votanti.

Pardew ha dichiarato: "Non sono uno Geordie, naturalmente, ma sono una persona di calcio con un amore per il gioco e posso assicurarvi che porterò grande spinta, desiderio e impegno. 
Chris Hughton ha fatto un ottimo lavoro stagione, guidando il club in Premier League, e ha continuato questo buon lavoro in questa stagione, il mio obiettivo è quello di costruire su questo e portare avanti il club. Mi dicono 'devi essere pazzo di andarci', è una prospettiva scoraggiante ma qualcosa che non posso rifiutare"

Nella sua prima partita in carica, Pardew portò il Newcastle a vincere per 3-1 sul Liverpool con gol di Kevin Nolan, Joey Barton e Andy Carroll.
Poi rifilò un 5-0 al West Ham.
Il mese seguente, Pardew guidò i Magpies in uno dei momenti più memorabili della loro storia recente, quando il Newcastle pareggiò 4-4 contro l' Arsenal in una partita assolutamente pazzesca giocata nel febbraio 2011.
Il Newcastle perdeva 4-0 all'intervallo.
Il 7 maggio 2011, con una vittoria per 2-1 sul Birmingham, portò il club a metà classifica.
Questo risultato fu seguito da un pareggio per 2-2 al Chelsea e un 3-3 contro il West Bromwich Albion che lasciò il Newcastle fuori dalle prime 12 della classifica.
All'inizio della stagione 2011/12, Pardew portò il Newcastle al loro miglior inizio in Premier League degli ultimi 17 anni, con una striscia imbattuta di 11 partite in tutte le competizioni.
Due giorni prima dell'ultima partita della stagione, Pardew vinse il premio di "Premier League Manager Of The Season", diventando il primo manager del Newcastle a raggiungere questo traguardo. Del resto aveva riportato, dopo anni, il Newcastle in Europa.
Vinse anche il premio di "Manager Of The Year" (della FA), che lo ha reso il primo ed unico manager inglese a vincere i due premi individuali in una singola stagione di Premier League.
L'anno successivo raggiunge i quarti di finale in Europa League dopo otto anni, sconfiggendo 1-0 in aggregate i russi dell' Anzhi Makhachkala (verranno poi eliminati proprio ai quarti dal Benfica, poi finalista).
Sempre nel 2012/13 si ricorda nella partita d'esordio stagionale contro il Tottenham Hotspur, Pardew che diede una spinta all'arbitro per cercare di accelerare la ripresa del gioco (la palla sembrava andare oltre la linea di fondo, ma l'arbitro ha ritenuto che fosse ancora in gioco).
Il 6 dicembre 2013, Pardew vince il premio di "Manager del mese di novembre" della Premier League , dopo aver guidato il Newcastle a quattro vittorie su quattro.
Riuscì a battere anche il Manchester United 0-1 il 7 dicembre 2013, dopo più di 40 anni dall'ultimo successo.
Comunque seguì un crollo totale nelle rimanenti partite della stagione: 15 sconfitte in 21 partite ufficiali.
Il malcontento dei fan si fece per la prima volta sentire, quando Pardew (e il proprietario del club Ashley) ricevettero insulti pesantissimi (nonostante una vittoria per 3-0 sul Cardiff City).

Il giornale Chronicle commentò: "Questo è stato probabilmente il peggior abuso personale che un allenatore del Newcastle abbia dovuto affrontare in qualsiasi partita: è stato un pomeriggio straziante per tutti gli interessati"

Nel gennaio 2014, durante una partita di Premier League contro il Manchester City, Pardew insultò Manuel Pellegrini manager del Manchester City.
Pellegrini inizialmente affrontò Pardew sulla linea che delimita il terreno di gioco accusando Pardew di contestare frivolamente ogni decisione dell'arbitro e di ingannare illecitamente la terna anche quando era una decisione ovvia a favore del City.
Dopo la prima scaramuccia, Pardew venne incastrato dalle telecamere di Sky Sports dopo averlo etichettato come "una fottuta vecchia femminuccia".
Il 1° febbraio 2014 a St.James’s Park si gioca il Tyne-Wear Derby (l’anno precedente si era concluso con un secco 0-3 a favore del Sunderland, cosa che non accadeva dal 2000, con l’incontenibile esultanza di Paolo Di Canio), Pardew venne chiamato a riscattare una stagione incolore ma venne sconfitto con il medesimo punteggio dell’anno precedente.
La contestazione esplode.
Al 90′ un tifoso entra il campo per riconsegnare l’abbonamento al tecnico.
Nel marzo 2014, Pardew venne espulso dopo aver colpito con una testata il giocatore dell' Hull City David Meyler.
La palla andò fuori dal terreno di gioco vicino a Pardew e Meyler lo superò rapidamente per riprendere il gioco, a quel punto Pardew colpì Meyler.
Sebbene Pardew si sia scusato per le sue azioni, venne multato per £ 100.000 dal Newcastle United e gli venne inflitto un avvertimento formale.
L'11 marzo, la FA squalificò Pardew per sette partite.
Venne multato anche di £ 60.000 dalla FA.
Nel settembre 2014, con il club in fondo alla Premier League, alcuni fan crearono un sito web, Sackpardew.com, per istigare il suo licenziamento.
Vennero pianificate anche proteste prima di una partita contro Hull City, che comprendeva la stampa di 30.000 fogli A4 che chiedevano il suo licenziamento: "Sack Pardew", "Pardew Out", "Pardew is a muppet".
Poi sondaggi, altri insulti, critiche (anche nei riguardi del presidente Ashley).
Pardew: "Soffrano d'isteria di massa, sino a prova contraria, sono ancora io l'allenatore"

La contestazione è un vero successo per dimensioni ed eco e prosegue anche nelle due successive trasferte contro Stoke e Swansea.
Nel novembre 2014, malgrado ciò, Pardew guidò il Newcastle a sei vittorie consecutive in tutte le competizioni (seconda volta dopo il suo incarico come manager del club).
Prima della sfida con la capolista Chelsea, l’emittente FoxSport trasmise un documentario di 15 minuti azzardando, nonostante non si era ancora a metà stagione, un paragone tra il Chelsea di Mourinho e l’Arsenal degli Invincibili che nel 2004 vinse una Premier senza perdere una partita.
Molti degli addetti ai lavori erano convinti che Mourinho potesse emulare l’Arsenal.
Molti ma non Pardew.
Alla vigilia del match contro i Blues, dichiarò: "è una squadra molto forte, il miglior Chelsea che abbia mai visto, ma non penso che resterà imbattuto. Lo sa anche Mourinho"
Il 6 dicembre 2014, la squadra di Pardew chiuse appunto l'imbattibilità del Chelsea in tutte le competizioni, quando il Newcastle riuscì a batterli per 2-1 a St James Park (issandosi al sesto posto in classifica).
Anche qui viene eletto Manager del mese di novembre 2014 ma continuano gli abusi e le proteste dei fans.
Nelle ultime 9 partite però il Newcastle totalizzò: 7 vittorie, 1 pareggio ed 1 sconfitta.
Media punti da titolo.
Il 29 dicembre 2014, dopo il licenziamento di Neil Warnock, a Pardew viene concesso il permesso di parlare con Crystal Palace con un risarcimento concordato.
Il giorno dopo, John Carver assunse le funzioni manageriali della prima squadra, con Pardew assente e in prossimità di trasferirsi a Londra.
Malgrado ciò le polemiche non si placano.
Infatti, così come l’ex tecnico fu bersaglio di critiche per mesi e mesi alla guida della squadra, in seguito come nuovo obiettivo venne scelto proprio il presidente Mike Ashley.
Infatti, i tifosi volevano che mettesse in vendita il club.
Fra i motivi principali, la faccenda che vedeva Ashley essere proprietario del club del nord d’Inghilterra, e di una % dei Glasgow Rangers, squadra scozzese.
Secondo le regole della UEFA, in questo modo le due squadre rischiavano di non poter prender parte a competizioni di ambito europeo.
Così come si stavano muovendo in Scozia, allo stesso modo i supporters bianconeri (tra tutti il gruppo Newcastle United Supporters Trust) avevano iniziato a protestare in modo sempre più veemente.
Tornando al calcio giocato, Pardew lasciò la squadra a pochi punti dall'Europa League, Carver inaugurerà invece una lunga serie di sconfitte che porteranno il Newcastle quasi in fondo alla classifica.
Riusciranno a salvarsi solo all'ultima giornata, battendo 2-0 il West Ham.


LA SUA SQUADRA: IL CRYSTAL PALACE
Il 3 gennaio 2015, Pardew venne quindi nominato manager del Crystal Palace(ex leggenda del club avendoci giocato negli anni 80 e 90), firmando un contratto di tre anni e mezzo. Due giorni dopo, nella sua prima partita in carica, il Palace vinse per 4-0 contro il Dover Athletic nel terzo turno di FA Cup.
La sua prima partita di campionato in carica fu una vittoria casalinga per 2-1 contro il Tottenham Hotspur.
Il Crystal Palace, dato per spacciato praticamente da tutti e lasciato da Warnock in piena zona retrocessione (terz'ultimo), rinvigorì sotto Pardew con due vittorie consecutive, tra cui una vittoria per 3-2 sul Southampton (quarto turno di FA Cup).
Poi le vittorie consecutive in trasferta divennero addirittura 4 (record del club).
Nel mentre, Alan, trova il tempo ancora di litigare con Pellegrini del Manchester City.
A fine stagione comunque, Pardew guidò il Crystal Palace al loro miglior piazzamento di sempre in Premier League (decima posizione, per 10 vittorie in 18 partite).
La stagione 2015/16 iniziò bene per Pardew: le vittorie su squadre come Chelsea, Aston Villa e Liverpool fecero si che si parlasse addirittura di un possibile spot per la qualificazione in Europa League.
A dicembre il Newcastle, suo ex club nemico, venne umiliato 5-1 a Selhurst Park.
Dopo 19 partite, a metà stagione, il Palace era al quinto posto in Premier League.
Tuttavia, questo obiettivo alla fine non sarebbe stato raggiunto, dal momento che il Palace iniziò male il 2016.
Arrivò una lunga striscia senza vittorie di 14 partite, poi arrestata con una vittoria per 1-0 sul Norwich.
Finirono quindicesimi a fine stagione.
Probabilmente fu la FA Cup a distrarre Pardew e i suoi, visto che il Palace raggiunse la finale dopo una vittoria per 2-1 sul Watford grazie ai gol di Yannick Bolasie e Connor Wickham.
Successivamente però persero la finale di coppa 2-1 contro il Manchester United.
Dopo un inizio negativo nella stagione 2016/17 e risultati mediocri nell'anno solare 2016, Pardew venne licenziato il 22 dicembre 2016; il Palace aveva vinto solo 6 partite su 36 giocate nel 2016.
Steve Parish presidente del Palace dichiarò che "lo stile di bel gioco di Pardew non ha più funzionato".


E IL NEWCASTLE?
A posteriori si può tranquillamente dire che le disgrazie sportive del suo vecchio Newcastle non si sono dimostrate sue, in quanto dai risultati del 2015 e del 2016 si percepisce come a Newcastle i problemi ci siano stati e siano andati ben oltre le colpe del manager.
Pardew qualche anno prima aveva conquistato un ottimo quinto posto con i Magpies, poi immediatamente scordato dall'ambiente.
Inoltre dal 2010 lasciò la squadra con una plus-valenza di +35 milioni, perdendo anno dopo anno i migliori giocatori: Carroll, Nolan, Cabaye, Demba Ba, Debuchy, Forster, Ben Arfa, Remy, Mbiwa, L.Enrique.
Alan, come detto, andato al Crystal Palace ad inizio 2015 lo salvò portandolo dal terz'ultimo posto al decimo.
Durante quella metà stagione, il Palace sotto Neil Warnock, aveva colto appena 3 vittorie nelle prime 20 partite giocate, accumulando solo 17 punti.
Andato a Londra, le fortune dei due club hanno subito una netta inversione di tendenza.
Nelle 15 partite giocate dal Newcastle sino ai primi di maggio 2015, John Carver raccolse solo 9 punti, invece il Crystal Palace totalizzò 25 punti nelle 14 partite sotto Pardew.
In quel momento solo quattro squadre (Arsenal, Chelsea, Liverpool, Manchester United) avevano fatto meglio degli uomini di Pardew.
Come si vede nelle classifiche di sotto, il Newcastle lasciato da Pardew quasi in zona Europa League (a 5 punti dal Tottenham), nello stesso anno (2015), poi si salvò solo all'ultima giornata.
L'anno successivo Pardew chiuse quindicesimo con il Palace (raggiungendo anche una finale di FA Cup), invece il Newcastle (dopo aver speso oltre 110 milioni di euro tra mercato estivo ed invernale) retrocesse mestamente in Championship con il duo McClaren-Benitez.



WEST BROMWICH
Il 29 novembre 2017, Pardew viene nominato nuovo allenatore del West Bromwich Albion, in sostituzione del licenziato Tony Pulis, firmando un contratto che durerà fino alla fine della stagione 2019/20.


T'interessano altri articoli su storie sportive(doping, scandali, suicidi, partite vendute, etc) e scommesse?
Qui trovi l'indice completo ed aggiornato del blog:  Indice Storie Sportive(Doping, Suicidi, Partite Vendute, Stake, etc)

Nessun commento:

Posta un commento